Music is not only about Music/ La musica non riguarda soltanto se stessa (eng – ita) – M° Aurelio Porfiri

Music is not about music. Is this a strange statement? Yes, but it is a deep truth. You cannot understand music musically, but you need to refer to many other disciplines and elements that can give you a better understanding of what music is about. It is like talking about the human body: you cannot talk about the heart, if you don’t take into account other body organs, and you cannot talk about them if you don’t take into account other disciplines that influence their functioning, like psychology, biology, chemistry, mathematics and countless other fields. Knowledge is only one and is holistic, not particular. A nice saying teaches us that experts are those who know more and more about less and less, until they know everything about nothing. In music especially, the “expert” does not work well. Considering music in itself as a separate discipline betrays its nature and meaning. This is why the real understanding of Western music in Asia is often very poor: they may play very fast on the piano but their understanding of the reasons behind the music is hugely limited. They don’t have our theology, philosophy and history, and they cannot really relate with us on a deep emotional level because they are from a different culture (completely different).

Music is interconnected with other forms of knowledge, if you want to understand you have to look at the big picture, not just tiny bits.

La musica non riguarda soltanto se stessa. Non é strano? Si, ma é una verità profonda. Non si può capire la musica musicalmente, ma bisogna che ci si riferisce a molte altre discipline ed elementi che possono dare una comprensione migliore di quello che gira intorno alla musica. E’ come parlare del corpo umano: non puoi parlare del cuore, se non tieni in conto altri organi del corpo umano, e non puoi parlare di questi ultimo senza far riferimento ad altre discipline che influenzano il loro funzionamento, come la psicologia, la biologia, la chimica, la matematica ed innumerevoli altre discipline. La conoscenza é una ed é olistica, non é particolare. Un simpatico detto asserisce che l’esperto é chi sa più e più circa meno e meno, così che alla fine egli sa tutto di niente. Specialmente in musica, l’”esperto” non funziona bene. Considerare la musica in se stessa, come una disciplina separata, é tradirne natura e significato. Ecco perché la comprensione reale della musica occidentale in Asia é spesso molto povera: possono suonare molto velocemente al piano ma la loro comprensione delle ragioni dietro la musica é enormemente limitata. Loro non hanno la nostra teologia, filosofia, storia e loro non possono veramente relazionarsi con noi ad un livello emozionale profondo perché provengono da una cultura differente (completamente differente).

La musica é interconnessa con altre vie di conoscenza, le può spiegare ed essere da esse spiegata.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...