On accent/Sull’accento (eng – ita) – M° Aurelio Porfiri

PoesiaWhen we speak, we are in a certain way singing. Yes, it may seem strange for some of you to think about this, but if you consider carefully this topic you will agree with me. Speaking is like singing. Everything depends on the main stress, the accent. Have you ever considered the origin of this word? It comes from the Latin “accentus” derived from “ad-cantus”, meaning “similar to singing”.  Cicero (Orator 57) called the accent (inserted in the rhetoric process) a “cantus obscurior”, obscure singing. So, whenever a piece of music has to be performed and there is a text, the main element to be considered is the “cantus obscurior”, this pre musical dimension that has to come out from the performance and not be betrayed by the performers.

We have three main kinds of accent in a word, the most important being the tonic accent. Tonic accent is prepared by the pre-tonic accent followed by the post-tonic accent. The tonic accent is the moment of higher verbal tension; the other two kinds of accents have a function that is also important, because they prepare the tension and then give a rest following the highest peak. But all the words (and the architecture of accents) have to be coordinated in the bigger picture of the phrase and the phrases in the whole composition.

Indeed, Paul Verlaine was correct when he said poetry is “music above everything”(Poetic Art) and so is the text we need to perform; we need to find that the music is already in it, even before a composer’s intention. This was said well by a great Italian actor, Carmelo Bene: what is important is the “phóné”, the sound that is before the meaning. The Swiss scholar Paul Zumthor said that the “phóné does not depend immediately on a meaning, but will prepare for the same meaning a place where the meaning will be said”. It is clear that the interpretation of a text that starts from the meaning is a failure in itself. The meaning cannot be found, the meaning arises.


Quando parliamo, noi stiamo in un certo senso cantando. Sì, può sembrare strano per alcuni di voi pensare su questo argomento, ma se considerate con attenzione quanto dico sarete d’accordo con me. Parlare é come cantare. Tutto dipende dal enfasi verbale più importante, l’accento. Avete mai considerato l’origine di questa parola? Viene dal latino “accentus” derivato a sua volta da “ad-cantus”, con significato di “vicino al canto”. Cicerone (De Oratore 57) ha chiamato l’accento (inserito nel processo retorico) un “cantus obscurior”, un canto oscuro. Così quando un brano musicale deve essere eseguito e c’è un testo, l’elemento principale che deve essere considerato é il “cantus obscurior”, questa dimensione pre musicale che deve venire fuori dalla esecuzione e non essere tradita dagli esecutori.

Abbiamo tre tipi principali di accento, e il più importante é l’accento tonico. L’accento tonico é preparato dall’accento pre-tonico e seguito dall’accento post-tonico. Essendo l’accento tonico il momento di massima tensione verbale, gli altri due tipi di accento hanno anche una funzione che é importante, perché preparano questa tensione e poi conducono al riposo che segue il momento culminante. Ma tutte le parole (e le loro architetture di accenti) devono essere coordinate nel quadro più ampio della frase e le frasi in quello dell’intera composizione.

In effetti, era corretto Paul Verlaine, la poesia é “musica prima di tutto” (Arte Poetica) e così nel testo noi dobbiamo eseguire, dobbiamo trovare la musica che é già in esso anche prima delle intenzioni del compositore. Questo é stato ben detto da un grande attore italiano, Carmelo Bene, quello che é importante é la “phóné”, il suono che é prima del significato. Lo studioso svizzero Paul Zumthor ha detto che “la phóné non dipende in maniera immediata dal senso, ma prepara al senso il luogo dove esso si dirà”. E’ chiaro che l’interpretazione di un testo che comincia dal signficato é un fallimento in se stesso. Il significato non può essere trovato, semplicemente sorge.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...